Bec Dauphin – Perosa Argentina

Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti

Ciao, oggi voglio portarvi a scoprire un pezzettino di storia locale a Bec Dauphin, a Perosa Argentina.
Qui possiamo trovare dei resti di un’antica fortificazione: Perosa fu infatti per lunghi periodi terra di confine e questo sperone roccioso venne sfruttato varie volte come punto di controllo della valle sottostante.


Si hanno notizie della costruzione di una bastia a opera di Oberto e Pietro Auruc già nel 1240, ma la storia di Perosa Argentina fu particolarmente travagliata tra il sedicesimo e il diciottesimo secolo, quando fu una frontiera contesa tra Delfinato e Savoia.

Proprio per difendere questa zona di confine dagli assedi, nel 1567, durante la guerra franco-savoiarda, per volontà della Duchessa di Savoia venne edificato sull’altura di Bec Dauphin il Forte San Giovanni Evangelista. Questa struttura ebbe però vita molto breve; infatti venne distrutta nel 1601 dopo il trattato di Lione che poneva fine alla guerra.
Nel 1630 Perosa venne assediata per la seconda volta dal Cardinale Richelieu, deciso a impadronirsi del Monferrato. In questo periodo venne costruita una ridotta sul risalto a opera delle truppe francesi occupanti.

All’inizio del 1700 l’esercito francese realizzò altre fortificazioni in modo da avere il controllo sulle vie di comunicazione della valle. Nel 1713, con il trattato di Utrecht, il confine venne spostato al Monginevro e Perosa tornò in possesso dei Savoia, così che Bec Dauphin perse la sua funzione di controllo.

Grazie a un progetto di recupero sono stati portati alla luce i resti dell’antica struttura a base quadrangolare. In basso possiamo vedere alcuni vani interrati, di cui uno fungeva da cisterna per l’acqua, mentre il muro che si affaccia sullo strapiombo ci fa capire che la fortificazione doveva essere su tre piani con feritoie. Se guardate bene in alto potete vedere lo stipite di una porta che portava a un balcone a sbalzo sullo sperone. Chissà che vista mozzafiato ci doveva essere da lassù, sicuramente non adatta a chi soffre di vertigini!

Come arrivare qui
Da Pinerolo seguite la SP 23 in direzione Sestriere fino a Perosa Argentina, superato l’abitato girate a destra seguendo l’indicazione Borgata Brandoneugna. Nei pressi di questo incrocio potrete vedere lo sperone di Bec Dauphin, meta finale della nostra gita. Da qui proseguite seguendo le indicazioni verso Borgata Ciapella. Nei pressi del bivio per la Borgata Crosie potete lasciare l’auto e proseguire a piedi in direzione Borgata Ciapella. Dopo circa 100 m troverete, alla vostra sinistra, una strada sterrata, percorretela per circa 200 m fino ad arrivare ai resti della fortificazione di Bec Dauphin.