Il nastro e il maleficio – Cournilhoun, Massello

La mia posizione
Ottieni i Percorsi

Eccomi qui con una leggenda molto speciale!
Oggi vi porto nell’alto vallone di Massello, in una località chiamata Cournilhoun, una cresta boscosa nei pressi dell’alpeggio Eidût. Si dice che un tempo in questo luogo vivessero delle fate (dette anche fantine) in una casetta sotto una roccia. Passavano la giornata a raccogliere fiori e erbe, in perfetta armonia con la natura. Molti raccontavano di tesori meravigliosi che le belle fate custodivano gelosamente dentro a grossi bauli.
Un giovane di Pradidiè, che si trova di fronte a Cournilhoun, dall’altra parte dalla valle, era molto curioso di scoprire se le dicerie sulle fantine fossero vere. Una notte finalmente si decise e andò a vedere dove fosse la loro casa. Quando arrivò alla casupola vide la luce delle finestre accesa e guardando dentro… meraviglia! Vide tre splendide ragazze attorno al focolare. Facendosi coraggio provò a bussare ed entrò a fare la loro conoscenza. Per tutta la sera stette in loro compagnia chiacchierando e scherzando.

 

Mi sembra di vedere delle piccole orme!

Al ritorno verso casa gli sembrava di volare… non riusciva a smettere di pensare agli occhi incantevoli di una di loro, si era proprio innamorato a prima vista! Dopo quel primo incontro cominciò a visitare sempre più spesso la sua bella, che sembrava ricambiarlo e lo copriva di gentilezze. Un giorno la mamma del ragazzo scoprì il motivo delle sue fughe notturne e non fu affatto felice di scoprire l’amore di suo figlio per una fantina! Le fantine non erano viste di buon occhio dalla gente del posto che diffidava dei loro poteri magici. Così cominciò a vietargli di uscire di casa la sera convinta che prima o poi al giovane sarebbe passata quella cotta irragionevole. L’amore però non vuol sentir ragioni e il ragazzo riusciva a scappare di nascosto per andare a trovare la fidanzata.

 

Che bel panorama si vede da quassù!

Una sera, disperato per la difficile situazione si confidò con la bella fata e lei gli disse: “Non c’è nessun problema! Se tua madre non vuole che ci sposiamo la convincerò con la magia. Lega al suo collo questo nastro rosso e vedrai che cambierà idea!”
Il ragazzo, tutto contento prese il nastro e corse a perdifiato verso casa ma, nei pressi di Ciancoutan, proprio sotto Pradidè, si fermò un attimo per riposare. Preoccupato di quello che avrebbe dovuto raccontare alla madre per giustificare la sua fuga notturna, decise di provare ad annodare il nastro per fare un bel fiocco in modo da presentare al meglio il regalo. Legò quindi la striscia di stoffa attorno al tronco di un larice. Ecco che in un batter d’occhio le fiamme iniziarono ad avvampare attorno all’albero e nel giro di pochi minuti era completamente carbonizzato! Il ragazzo, mezzo morto dallo spavento e con le lacrime agli occhi pensando a quel che sarebbe potuto succedere alla mamma, corse verso casa.

Quando le fate, che l’avevano osservato da casa loro, videro che il loro cattivo intento era stato scoperto, andarono su tutte le furie! Arrabbiate perché il giovane aveva tradito la loro fiducia, fecero i bagagli e salirono sopra i loro forzieri pieni di ricchezze. Essendo scrigni magici, li usarono per scendere la valle passando sopra il fiume, distruggendo al loro passaggio tutto ciò che incontrarono promettendo di non tornare più nella valle.

Il Rio Rabbioso (Riou Rabioûr) dove probabilmente passarono le fantine

Un solo ponte sul loro tragitto fu risparmiato, quello dei Masselli, vicino al paesino di Pomaretto, dove stava passando un vecchietto che disse “Belle fantine, abbassate la testa e lasciate il ponte!” Non essendo insensibili ai complimenti, le fantine non lo distrussero e continuarono la loro strada verso valle per non tornare mai più.

Il ponte dei Masselli

Come arrivare qui
Da Pinerolo procedete verso Villar Perosa poi seguite le indicazioni per Perrero, oltrepassate questo paesino e continuate per la Strada Provinciale 170 per Massello. Proseguite per 1,5 Km fino alla borgata Gros Passet. Qui dovete lasiare la macchina e proseguire a piedi prendendo un sentiero appena sopra la borgata che costeggia il Rio Rabbioso. La località Cournilhoun si trova a sinistra mentre salite.