La Fontana del Burro – Angrogna

Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti

Ciao!
Oggi ci troviamo in un luogo apparentemente privo di storie da raccontare che però ci aiuterà ad andare alla scoperta di un cibo preziosissimo per i valligiani di un tempo: siamo alla Fontana del Burro di Angrogna.
Il burro, oltre ad essere importante per la dieta dei nostri avi, é anche un alimento molto antico: Greci e Romani attribuiscono ai Celti la realizzazione di un prodotto a base di latte dall’aspetto solido e compatto, simile a quello che conosciamo oggi; ma sono stati trovati degli strumenti per la sua produzione che risalgono addirittura all’età del Bronzo (2300-700 a.C.)!

Come si realizzava un tempo il burro? Era un’operazione lunga e faticosa… Prima di tutto il latte appena munto veniva lasciato riposare per far salire in superficie la panna. Questa veniva poi messa in una zangola (contenitore cilindrico in legno) e con il pestone la si sbatteva per circa un’ora finché non diventava dura; si colava quindi il siero, si aggiungeva acqua fredda e si sbatteva ancora. Il burro veniva poi lavorato con le mani (si potevano aggiungere sale o erbe) e messo in stampi di legno decorati, a volte con il disegno caratteristico della famiglia, e lasciato a riposare al fresco per un giorno.
Capite com’era importante avere un luogo adatto per riporre il frutto di questo lungo e duro lavoro!
La fontana si chiama così proprio perché un tempo qui venivano fatti riposare i panetti di burro, grazie al fresco della sorgente.

Nelle vallate alpine il burro era così prezioso che se non si riusciva a produrlo si credeva che la colpa fosse di uno stregone che lo aveva “ammascato” stregando la zangola: anche nelle Valli Valdesi esistono leggende su questi incantesimi, ad esempio si racconta di una masca che a Massello era stata scacciata gettando dei chiodi nella zangola stregata in modo da ferirla ai piedi.
Il burro e la possibilità che irrancidisca a causa di animali-stregoni è diffusa in tutto il mondo che un tempo fu celtico: pensiamo alla farfalla “butterfly” ovvero mosca del burro perché secondo una leggenda il burro inacidiva a causa di una strega con queste sembianze. Anche rospi, libellule, salamandre, ramarri e insetti vari erano considerati dei succhiatori di latte (direttamente dalle vacche però).
Per contro, nella tradizione anglosassone esistono dei folletti che sono ottimi preparatori di burro e che insegnano volentieri agli uomini come trasformare il latte (tranne che se fatti arrabbiare, allora si vendicano rubando o inacidendo l’alimento). Proprio come le nostre fantine!

Come arrivare qui:
una volta raggiunta la borgata Sonagliette di Angrogna, imboccate l’unica strada in salita (sterrata e percorribile solo a piedi o in bicicletta), in breve raggiungerete una deviazione che porta le indicazioni per la fontana: dopo una decina di metri troverete la troverete alla vostra sinistra.
La passeggiata è breve e adatta anche ai bambini, ma la fontana è quasi irriconoscibile per la vegetazione che le cresce attorno: aguzzate la vista!