Valdesina va in vacanza! Cavour

Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti

Ciao!
Oggi voglio fare una piccola gita fuori dalle Valli Valdesi, senza allontanarmi troppo: insieme parleremo un po’ di storia e lo faremo a Cavour!
Si tratta di un paese della provincia di Torino che esisteva già prima degli antichi Romani, noto soprattutto per la sua inconfondibile rocca, che sembra avere origini leggendarie.
Voglio accompagnarvi davanti un edificio particolare poiché proprio qui si svolse una vicenda importantissima della storia valdese…

Oggi sono a Cavour e alle mie spalle c'è la celebre rocca!
Oggi sono a Cavour e alle mie spalle c’è la celebre rocca!

Eccoci giunti alla Casa-Forte degli Acaja Racconigi, palazzo in cui risiedevano i nobili cadetti della famiglia del Duca di Savoia. Proprio qui venne firmato l’Accordo di Cavour nel 1561.
Il 5 giugno di quell’anno, infatti, vi s’incontrarono i rappresentanti del duca Emanuele Filiberto e quelli delle chiese valdesi delle Valli per firmare la pace con cui il Duca perdonava i Valdesi per tutte le azioni che erano state commesse durante la guerra dei mesi precedenti.

Eccomi al Palazzo degli Acaja... Mi avete trovata?
Eccomi al Palazzo degli Acaja… Mi avete trovata?

Il Duca, trattando con i suoi sudditi, rischiava di essere condannato dall’Europa cattolica e dal papato, per questo Emanuele Filiberto non si presentò di persona. In cambio del perdono del Duca, i Valdesi firmano un accordo in cui s’impegnavano a stabilirsi in zone periferiche delle Valli dai limiti invalicabili.
Attraverso questo accordo, la Chiesa valdese vide però per la prima volta confermata la sua realtà. Sarà impossibile d’ora in avanti negare la presenza dei protestanti in Piemonte, sia di fronte al papato che al resto dell’Italia (in quel periodo, sotto la dominazione spagnola e cattolica).

Una lapide affissa sull'edificio ricorda l'importante avvenimento
Una lapide affissa sull’edificio ricorda l’importante avvenimento

L’importanza dell’accordo, detto anche Pace di Cavour, è che si tratta di uno dei primi documenti ufficiali che concedessero una forma di libertà religiosa in tutta la storia europea.
Anche se i Valdesi vennero relegati nel loro ghetto, poterono iniziare a costruire i propri templi e celebrare -almeno per il momento- la loro fede in libertà.

Saranno passati di qui i delegati valdesi per firmare la storica Pace di Cavour?
Saranno passati di qui i delegati valdesi per firmare la storica Pace di Cavour?

Forse vorresti leggere questa storia in: Inglese