Leggenda: l’unguento misterioso – Villar Pellice

Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti

Ciao amici, pronti per una nuova leggenda?
Un giovane di Villar Pellice aveva l’abitudine di andare a trovare tutte le sere due sorelle, fin quando un giorno d’inverno dissero che la sera successiva non ci sarebbero state… il ragazzo incuriosito da quell’impegno improvviso si recò di nascosto lo stesso a casa delle sorelle e le spiò dalla serratura; le vide spogliarsi, spalmarsi un unguento sul corpo e sparire nel camino dopo aver pronunciato le parole: “Portami né in alto, né in basso, ma dove tu sai”.


Subito il ragazzo corse in casa, si spogliò e si spalmò la stessa sostanza dicendo quel che ricordava: “Portami in alto, in basso e dove tu sai!”. Improvvisamente venne scagliato in alto sopra il tetto, poi quasi a terra rotolando tra rovi e cespugli e riempiendosi di graffi e lividi. Per fortuna poco dopo si fermò… si trovava in una radura luminosa, dove era allestita una gran tavola piena di cibo e dove molte persone stavano banchettando. C’erano anche le due sorelle! Quando lo videro gli portarono un bicchiere di liquido scuro che gli fece subito guarire le ferite.


Il giovane venne abbigliato e fatto accomodare a tavola dove mangiò ogni sorta di bontà.
Una delle sorelle gli disse all’orecchio: “Finché stiamo qui, non nominare il nome di Dio…”.
Alla fine della cena, una vecchia donna si avvicinò ai tre ragazzi e poggiò sul tavolo un enorme cesto di ciliegie. Il giovane si stupì moltissimo perché era gennaio e non trattenne un’esclamazione di sorpresa: “Dio sia con noi!” ed ecco che subito tutti scomparvero per magia.
Il ragazzo si ritrovò solo, nudo e infreddolito, in mezzo al buio del bosco e capì così di esser stato fino a poco prima in mezzo a un ritrovo di masche!

Come arrivare qui:
raggiungete il paese tramite la Strada Provinciale 161, quindi all’ingresso del paese svoltate a sinistra in via dei Martiri giungendo nella centrale piazza Jervis.
Non sappiamo in quale luogo o borgata di Villar Pellice fosse ambientata la leggenda, le foto sono state scattate nel capoluogo del comune e in borgata Charmis.

Forse vorresti leggere questa storia in: Inglese